Sostienici

Adotta la lotta di un bracciante

I salari irrisori e le condizioni di precarietà delle lavoratrici e dei lavoratori braccianti rendono difficile un autofinanziamento della lotta; aiutaci contribuendo attraverso una donazione.

Inoltre, abbiamo sviluppato la campagna ‘Adotta la lotta di un bracciante’. La campagna consiste nell’adottare la lotta di una lavoratrice o di un lavoratore bracciante facendo una donazione di almeno 50€ per sostenere e rafforzare, attraverso le attività che la Lega Braccianti porta avanti sul territorio, la propria lotta quotidiana per il miglioramento delle condizioni socio-lavorative e per l’autodeterminazione socio-culturale.

Questa donazione minima di 50 euro permette di ricevere una tessera di socio-sostenitrice/sostenitore ed informazioni periodiche sulle nostre attività.

Benefici fiscali relativi alle donazioni

Il sistema tributario italiano prevede una serie di agevolazioni fiscali per coloro che effettuano donazioni a favore di determinati enti di particolare rilevanza sociale. Negli ultimi anni il legislatore ha ampliato tali agevolazioni con l’obiettivo di dare un maggiore impulso alle donazioni effettuate agli enti non profit.

CHI PUO DONARE

Persone fisiche soggette all’IRPEF (Imposta sul reddito delle società) e cioè lavoratori dipendenti e assimilati, esercenti arti e professioni, soci di società di persone e capitali, ecc.

  • Persone giuridiche soggette all’IRES (Imposta sul reddito delle persone giuridiche). Società per azioni.
  • Società in accomandita per azioni
  • Società responsabilità limitata
  • Società cooperative Società di mutua assicurazione.
  • Enti pubblici o privati diversi dalle società (persone giuridiche, associazione non riconosciute, consorzi).
  • Società ed enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato.

COSA SI PUO’ DONARE

Sono possibili donazioni:

  • in denaro: In caso di erogazioni di denaro il donante deve evitare donazioni in contanti e utilizzare uno dei seguenti mezzi di pagamento, che consentono di avere una “traccia” del pagamento eseguito, ovvero bonifico bancario e postale, assegno circolare o assegno bancario non trasferibile, carta di credito o carta di debito, carte prepagate, versamento con bollettino postale.
  • in natura: Le donazioni in natura si riferiscono a beni di proprietà, beni alla cui produzione o scambio e diretta l’attività d’impresa, derrate alimentari, prodotti farmaceutici, prestazioni di lavoro. La disciplina delle donazioni in natura ricalca quella delle donazioni in denaro. Ai fini della rilevazione dei limiti di deduzione o detrazione si deve prendere in considerazione il valore normale del bene, inteso come il prezzo o il corrispettivo mediamente praticato per i beni della stessa specie o similari in condizione di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni vengono erogati. Ove non sia possibile desumere il valore del bene sulla base di criteri oggettivi, gli eroganti potranno ricorrere alla stima di un perito.

QUANTO SI PUO’ DEDURRE O DETRARRE

Innanzitutto non bisogna confondere il termine “deduzione” con “detrazione”. A questo proposito e necessario premettere che l’imposta che un soggetto deve versare allo Stato viene calcolata applicando un’aliquota (percentuale) al reddito. Pertanto per ridurre l’imposta e possibile ridurre il reddito oppure l’imposta stessa. La deduzione consiste nella possibilità di ridurre il reddito imponibile in relazione ad una particolare spesa, con conseguente beneficio in termini di tassazione. La detrazione è un’agevolazione consistente nella possibilità di sottrarre determinate somme dall’imposta dovuta. In merito alle erogazioni liberali l’ordinamento italiano prevede alcune agevolazioni fiscali riservate ai soggetti che le effettuano.

In particolare si fa riferimento agli artt. 15 e 100 del DPR 917/86 Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR) aggiornati e all’art. 83 del D.Lgs. 3 Luglio 2017, n. 117. Le agevolazioni previste non sono cumulabili e sono alternative, cioè è lasciata facoltà al contribuente di scegliere quale disposizione applicare e tale scelta deve rimanere ferma per tutto il periodo d’imposta.

Sulla base delle norme attuali in quanto Ente del Terzo Settore iscritto nel RUNTS nella sezione “Altri Enti del Terzo Settore” con determinazione n. G03654 del 28/03/2022, in quanto Ente del Terzo Settore non commerciale ai sensi dell’art. 79 comma 5 del D.Lgs. 117/2017 e in quanto le liberalità ricevute sono impiegate esclusivamente per lo svolgimento dell’attività statutaria ai fini dell’esclusivo perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, sono vigenti le seguenti regole fiscali:

  1. Donatori Persone fisiche:
    1. detrazione 30% sulle somme in denaro o liberalità in natura erogate entro il limite di euro 30mila;
    2. deduzione fino al 10% del reddito complessivo dichiarato con la possibilità di riportare l’eventuale eccedenza nelle dichiarazioni successive, ma non oltre la quarta.
  1. Donatori Società ed enti:
    1. deduzione fino al 10% del reddito complessivo dichiarato con la possibilità di riportare l’eventuale eccedenza nelle dichiarazioni successive, ma non oltre la quarta.

    Nome*
     
    Email*
     
    Importo Donazione* (Euro)
     
    In che modo preferisci pagare?

    versamento RID:
    Codice IBAN
    Intestatario del Conto
    versamento bancario:
    Banca Intesa San Paolo spa.
    IBAN: IT51R0306909606100000177478
    SWIFT/BIC BCITITMMXXX

    bollettino postale:
    c/c Postale n° 29095205 intestato a Lega Braccianti

     
    Messaggio (facoltativo)
    Tutte le donazioni sono deducibili dalla dichiarazione dei redditi (legge 80 del 14/5/05)

    Menu